"Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza." Antonio Gramsci

martedì 18 settembre 2012

Aiutiamo un fratello... e aiutiamo noi stessi.


Premessa (fondamentale): non cliccate "mi piace" o commentate e basta... qui bisogna agire.

Qui si parrà nostra nobilitate...

Parliamo tanto di fratellanza, di diritti, di repulsione per gli abusi di potere e di solidarietà... vediamo se e quanto sono solo parole.

E vediamo di non trincerarci dietro il fatto che, in questo caso, si parla di un'unica persona (mentre i princìpi suddetti dovrebbero essere applicati a tutto il genere umano). Un fratello in difficoltà lo si aiuta quando ne ha bisogno, non si aspetta certo che siano tutti impelagati nei problemi... secondo il motto kropotkiniano per cui “fai agli altri quello che, in analoghe circostanze, vorresti fosse fatto a te”. Secondo me, ma mi pare una questione di buon senso.

E chi prende questa premessa come una critica personale sappia che dimostra soltanto una grande coda di paglia.

Non so quanti di voi siano a conoscenza o si ricordino di una brutta vicenda di corruzione avvenuta nel carcere di Velletri (Roma), che ha avuto come correi un po' tutte le autorità carcerarie e parecchi secondini: quella in cui le derrate alimentari destinate ai detenuti venivano dirottate verso altri lidi (connessi al giro dei carcerieri): Ismail, un detenuto tunisino, ebbe il coraggio che mancò a tutti – tutti infatti, nel carcere, ne erano a conoscenza – e denunciò il fatto.

Per questo pagò in modo inumano, con pestaggi ed abusi di ogni tipo, finché finalmente qualcuno gli diede retta, cominciò l'indagine (per quanti tentativi di insabbiamento sian stati compiuti) e finalmente siamo giunti al processo (veramente è iniziato l'anno scorso, ma si sa da noi quanto è lunga la giustizia). E lui è un teste chiave.

Ismail non è un angelo: è un uomo che ha fatto anche dei grossi errori (ma li ha pagati) e che poi ha deciso di non piegarsi alle logiche del potere, pagandone tutte le conseguenze.



Ora vive con un permesso di soggiorno a breve scadenza, sta cercando un lavoro onesto (anche perché un eventuale ritorno in prigione, per lui, significherebbe la morte sicura) ma non lo trova perché tutti si spaventano per il suo esser stato carcerato (certo, dicesse che ha fatto il parlamentare... tutte le porte gli si aprirebbero. Eppure noi sappiamo bene quanti delinquenti si aggirino per i palazzi del potere...).

Deve presentarsi al processo a deporre, ma per arrivarci deve prendere un treno e non ha i soldi per il biglietto, vive con una persona fantastica che lo aiuta quanto può (straniera anche lei) e... insomma, ha bisogno di noi, di tutti noi.

Non posso credere che siamo tutti disoccupati, invalidi, pensionati con la minima, lontani da Roma, mobilizzati o cassintegrati, sfrattati o senzatetto... non posso credere che non possiamo dimostrare ad Ismail che non tutti gli italiani sono uguali, che c'è anche una popolazione onesta, amante della giustizia e non razzista: vi chiedo, CI chiedo, di fare quel che possiamo.

Possiamo aiutarlo a sopravvivere, facendo un versamento sulla carta Genius Card, IBAN numero: IT67V 02008 32974 001260228172 intestata ad Ismail Ltaief,  in modo che possa prendere il treno per raggiungere Roma senza dover viaggiare da clandestino, e poi tornare...

Possiamo (potete, io purtroppo non riesco a muovermi... ma io sono invalida e non sto a Roma!) andare a sostenerlo al processo, dove probabilmente cercheranno ancora di intimidirlo e/o di farlo ritrattare o edulcorare i fatti, il 4 ottobre a Velletri (Roma), al Tribunale in piazza Giovanni Falcone, aula n. 5 – piano terra alle ore 15:00 (aggiunta del momento: la stampa non è ben accetta in aula... chissà poi perché!)

Ma possiamo anche aiutarlo a trovare un lavoro: si adatta a fare qualsiasi cosa, è massaggiatore esperto e diplomato, può dare lezioni di pianoforte, è cuoco, esperto di computer, traduttore (inglese, francese, spagnolo, swahili, arabo ed italiano), giardiniere, badante per bambini e/o anziani, nella zona di Milano preferibilmente, ma è disposto a spostarsi ovunque.

Una piccola parte della sua storia la trovate qui: 


http://www.radioradicale.it/scheda/331809?format=52

ma lo trovate anche tra i miei contatti, dunque potete chiedere, verificare e quant'altro.

Ci commuoviamo per Stafano Cucchi, scriviamo lettere per Niki Gatti, piangiamo Manuel Eliantonio, Francesco Mastrogiovanni, Federico Aldrovandi e tutte le altre vittime della violenza carceraria e non vogliamo mobilitarci per Ismail, la cui unica differenza dalle altre vittime è che è ancora vivo?
Non ci posso, non ci voglio credere. Non deludetemi e non cancellate la speranza in un mondo migliore in questo ragazzo.

Io la mia goccia nell'oceano ce la metto.

Grazie a chi coglierà e diffonderà l'appello.




 Questo è il testo integrale di una nota che ho pubblicato su facebook qualche giorno fa; la riporto qui non solo per cercare di darle il massimo risalto possibile (dunque tutti gli amici blogger che vogliono possono prenderla ed inserirla nei loro blog, grazie!), ma anche perché da quando l'ho pubblicata stanno succedendo cose strane.

Che facebook sia una comunità virtuale in cui circola impunita una massa di imbecilli è noto (ma d'altronde, ci sono ovunque), ma che costoro cerchino di ostacolare la diffusione di notizie è pernicioso ed inaccettabile - stanno cercando di bloccarmi la posta privata!

E dunque la salvo anche qui... chissà che non serva a dare un esempio di giustizia dal basso. E magari anche qualcos'altro.

11 commenti:

Enly ha detto...

Bel Blog Compagni, Complimenti!

cooksappe ha detto...

canuzzo!

Anonimo ha detto...

Ciao Elena mi chiamo Ilenia, ho conosciuto la storia di Ismail attraverso uno dei miei viaggi.
Vorrei chiederti se per caso sai se è stato pubblicato qualche libro riguardo la sua vita? ti ringrazio in anticipo e spero di ricevere presto una risposta:)
Ilenia

Anonimo ha detto...

la mia risposta è rivolta a Ilenia.
ciao sono Ilaria,conoscendo Ismail personalmente ti posso dire che era in progetto la pubblicazione di una sua autobiografia...ma non so poi per quale motivo non è andato in porto.Cordiali saluti.

Anonimo ha detto...

ciao Ilenia ed Ilaria, scusate il ritardo enorme con cui vi rispondo. Sono stata assente un po' per svariati motivi.
Di libri sulla storia di Ismail, pubblicati, non so nulla. So che lui stava lavorando alla stesura, ma purtroppo poi l'ho perso di vista e non ho più avuto notizie. Faccio una ricerca e vedo se riesco a rintracciare qualche altra informazione, va bene? a presto
elena

Anonimo ha detto...

Lui è sparito per qualche motivo...ma si può tovare du watsap3290087343 Il numero non funziona come telefono

Anonimo ha detto...

elena ho bisogno di parlarti mi puoi scrivere in prv ?

Anonimo ha detto...

o al limite mi mandi un contatto elena .

elena ha detto...

caro anonimo, ti leggo solo ora perché praticamente questo blog è chiuso.
Magari ti contatterei anche... se solo sapessi come, visto che di te so solo che sei "anonimo"... fatti vivo qui se ancora ti servo, e dimmi qualcosa di te... grazie.

isabella jarosz ha detto...

I found the blog some what interesting in its content wise and easier to understand what they had said. I love if you publish the blogs often.
Payday Loans
Payday Loans in Alabama
Payday Loans in Mississipi
Payday Loans in South Carolina

kristina young ha detto...

I found the blog some what interesting in its content wise and easier to understand what they had said. I love if you publish the blogs often.
Pawn Shops in Alabama
Pawn Brokers
Pawn Loans
Pawn Loans in Alabama
Pawn Shops near me