"Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza." Antonio Gramsci

lunedì 12 marzo 2007

APPUNTAMENTO A PIAZZA NAVONA IL 17 MARZO!


Ti invitiamo a ricordare il 4° anniversario dell'inizio della guerra preventiva in Iraq partecipando alla COSTRUZIONE DI UN ENORME SIMBOLO DELLA PACE E DEL DISARMO.

La campagna ha infatti aderito all'appello promosso a livello mondiale dal Movimento Umanista (per i dettagli si veda sotto e su www.simbolodellapace.net): il simbolo della Pace sarà realizzato da centinaia di migliaia di persone con fiaccola in 30 paesi (Australia, Austria, Belgio, Canada, Colombia, El Salvador, Finlandia, Francia, Germania, Ghana, Grecia, Guinea, India, Inghilterra, Italia, Kenya, Marocco, Messico, Mozambico, Olanda, Portogallo, Repubblica Ceca, Romania, Russia, Senegal, Slovenia, Spagna, Svizzera, U.S.A., Ungheria).

Partecipa anche tu!

Appuntamento a PIAZZA NAVONA - ROMA - il 17 MARZO 2007 alle ore 17

Fai passaparola.



_____________________________


APPELLO PER COSTRUIRE INSIEME IL SIMBOLO DELLA PACE E DEL DISARMO

Ci troviamo davanti ad una scelta: pace crescente o distruzione crescente. L'alternativa tra la costruzione della pace come diritto fondamentale di popoli e individui e una folle spirale di distruzione e violenza. Pochi dati bastano a illustrare la drammaticità della situazione:
Oggi sono in corso nel mondo più di 30 conflitti. Ogni anno muoiono a causa delle armi 500.000 persone, 1.300 al giorno, una al minuto. Secondo i dati ufficiali, la Russia ha ammesso di possedere 20.000 bombe nucleari, gli Stati Uniti 10.500, la Gran Bretagna 185, la Francia 450 e la Cina 400.

Secondo alcuni osservatori Israele ne possiede almeno 200. Nonostante le riduzioni effettuate negli anni Novanta, rimangono in tutto il pianeta più di 30.000 testate nucleari, sufficienti a distruggerlo per intero 25 volte. La Nato si muove al di fuori degli accordi del Trattato di Non Proliferazione Nucleare, violandoli apertamente. Gli Stati Uniti
hanno dislocato 480 bombe nelle varie basi Nato in Europa: 150 in Germania, 20 in Belgio, 20 in Olanda, 110 in Gran Bretagna, 90 in Italia e 90 in Turchia.

I mezzi d'informazione diffondono un'immagine distorta e parziale di questa realtà , attribuendo la minaccia nucleare solo ad alcuni paesi e tacendo sulle sue dimensioni complessive, cosa che l'opinione pubblica non ha una vera percezione dell'enorme rischio che stiamo correndo.

E' necessario reagire alla disinformazione e allo scoraggiamento dando impulso al movimento pacifista e nonviolento che si è sviluppato in questi anni nel mondo, unendo persone di differenti razze e religioni, culture e generazioni nel rifiuto della guerra e di ogni altra forma di violenza. Dobbiamo costruire un'alternativa non prevista nel copione dei potenti: un'alternativa basata sul rafforzamento dei vincoli tra i popoli, l'appoggio reciproco, la solidarietà, la sensibilizzazione
dell'opinione pubblica, la mobilitazione e la pressione su coloro che pretendono di decidere il destino di tutti. Abbiamo deciso di raccogliere l'appello lanciato dai pacifisti statunitensi per dare vita in tutto il mondo a mobilitazioni nonviolente nel quarto anniversario dell'invasione dell'Iraq.

Vogliamo ripetere l'esperienza già realizzata con successo a Budapest, Praga, Santiago del Cile, Helsinki, Parigi, Londra, Amsterdam, Atene, Milano, Firenze, Roma e Torino costruendo il simbolo della pace e del disarmo per riaffermare le tre maggiori urgenze del momento:
- Ritirare le truppe d'invasione
- Restituire i territori occupati
- Smantellare gli arsenali

Chiediamo a quanti lavorano per la pace, la nonviolenza, i diritti umani e il superamento di ogni forma di discriminazione, al mondo della politica, del volontariato, della cultura, dell'informazione e della spiritualità di sottoscrivere e diffondere questo appello e soprattutto di partecipare alla creazione a Roma del simbolo della pace e del disarmo.

Mondo senza guerre, Partito Umanista, La Comunità per lo sviluppo umano, Centro delle culture

_________________________________


Segnaliamo il nuovo libro di William Reymond: "Coca-Cola. L'inchiesta proibita" Ed. Lindau (vedi la scheda libro) che conferma, pag. 286, che Coca Cola e PepsiCo hanno finanziato nel 2000 e nel 2004 la campagna elettorale di G. W. Bush, sostenitore della teoria della guerra preventiva, in misura maggiore rispetto agli altri candidati.



4 commenti:

skakkina ha detto...

Ci vediamo lì? ;)

nunzio ha detto...

Hai fatto bene a strizzare l'occhietto, hai fatto proprio bene.
Veramente mi arrabbiavo stavolta ;)

skakkina ha detto...

E perché?! Nu', i treni!!!!! Mica lavori di sabato, no?

nunzio ha detto...

Ah ah ah! "I treni"... "Mica lavori di sabato"... Ah aha ha!
La moneta bellaaaaa!!! La monetaaaa!!! Questo è il problema!
Il 17 è troppo vicino :(