"Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza." Antonio Gramsci

martedì 27 marzo 2007

Marcia Italia















“L’Italia sta marcendo in un benessere che è egoismo, stupidità, incultura, pettegolezzo, moralismo, coazione, conformismo: prestarsi in qualche modo a contribuire a questa marcescenza è, ora, il fascismo”.
Pier Paolo Pasolini, 1962


Ieri sera a Milano era prevista la marcia per la legalità e la sicurezza guidata da Letizia Moratti. Siamo andati con gli amici di Qui Milano libera, per vedere le facce, fare interviste e distribuire alcuni volantini che avevamo studiato apposta per non urtare la sensibilità di nessuno, sul tema della memoria (”città più sicure”) e dell’illegalità dei quartieri alti (scorte ai potenti pregiudicati). Niente da fare: abbiamo rischiato il linciaggio. La folla berlusconiana è incattivita, plasmata dalla propaganda, odia il nemico, adora il capo, non ha memoria. Quando sente la parola magistratura s’indigna. Quando qualcuno pone una domanda fuori copione si offende. Un signore di mezza età ha espresso il desiderio di mandarci nei forni. Un altro ci seguiva invitandoci ad andar via in quanto comunisti di merda. Non erano naziskin, ma persone comuni, di quelle che si vedono al bar sotto casa. Sono danni impressionanti, irrimediabili. La base per il partito reazionario di massa è pronta, coltivata a dovere dal ventennio televisivo. E prima o poi ci faremo i conti. Abbiamo provato e riprovato a intervistare Formigoni: il politico consumato ha risposto a tutti tranne che a noi. In compenso ci ha risposto la Santanchè, la Briatore in gonnella, ma quando le ho posto la questione dell’onestà dei politici ha risposto: ma che domande mi fa? e ha girato i tacchi irritata, dietro le lenti nere. Sfilavano anche La Russa e Borghezio, più eccitati che mai. Dal palco la Moratti ha gridato alla folla: siete cittadini e vi trattano da sudditi! E ha chiesto il pugno di ferro contro la criminalità e invocato la certezza della pena: a mezzo metro Berlusconi, protetto dai gorilla, applaudiva convinto. Nel corteo era tutto un inneggiare a Silvio, l’uomo della legalità 2007. I manifestanti erano inferociti contro gli extracomunitari e sgomitavano per vedere l’amato leader, per fotografarlo con il telefonino. Non sono mancati i coretti: chi non salta comunista è. C’era con noi una ragazza francese, incredula di quel che vedeva. Non riesco a raccontare il senso di vergogna che si prova in simili circostanze. Parleranno le immagini, quando monteremo il video. Questa è una brutta Italia davvero. La feccia che risale il pozzo, la chiamava Montanelli. La peggiore per volgarità e bassezza. I nazisti della porta accanto sono tanti, troppi per un paese civile. Nel prossimo post le impressioni di alcuni amici che ieri sera hanno condiviso la mia pena.

Piero Ricca




fonte: http://www.pieroricca.org/2007/03/

.............................................................

Che dire ? Sta sempre più vincendo la cultura dell’incultura, o almeno è quello che vogliono farci credere. E i segnali sono tanti; purtroppo la “sceneggiata” che si è vista ieri sera a Milano non è che l’ennesima riprova.. Il qualunquismo dilaga, col dilagare dei vuoti valori del consumismo coatto. E striscia nei comportamenti e nelle dichiarazioni di certi personaggi pubblici. Buon ultimo, su Repubblica di oggi, Pino Daniele.

Il cantautore napoletano afferma: “Oggi la musica è solo intrattenimento, un sottofondo, la cultura annoia e la politica è nauseante”.

Si allunga la teoria dei cattivi maestri..

mauro


leggete anche questa bella analisi sul fascismo:

http://www.ecn.org/asicuba/asicuba/fascismo.htm

...................................................

10 commenti:

nunzio ha detto...

Da www.ecn.org a cui rimanda il post:"Gli Stati Uniti non entrarono in guerra perché nemici del nazifascismo, iniziarono la guerra per un preciso programma imperiale".
Ho sempre creduto in questa mia visione, dopo tante riflessioni e diciamo, "calcoli" storici e sociali.
Per questo dico spesso, tra gli amici e tra i commenti politici, che siamo stati conquistati culturalmente ed economicamente con l'ingresso degli elettrodomestici, delle sigarette e di tutto ciò che di "bello" i liberatori ci portarono con la liberazione dal nazifascismo.
Una cosa che mi colpisce molto, è quella storiella raccontata da alcuni anziani sul fatto che i soldati americani, al loro arrivo in Italia, regalavano a piene mani sigarette agli italiani... regalavano.... sigarette....mmmmm... ma certo! Per fargli prendere il vizio delle sigarette da loro prodotte, s'intende!!

Un'altra cosa su cui porre veramente molta attenzione è quando in questo post si parla di: "La base per il partito reazionario di massa è pronta, coltivata a dovere dal ventennio televisivo. E prima o poi ci faremo i conti. "
....Meditate gente, meditate!
Infatti molte volte, dico: "attenzione ragazzi, dovete fare attenzione non alle forze dell'ordine, ma al popolo quando costituisce massa... potrebbe linciarvi anche se vi vede soltanto ad a......re un ma......o, è un atto inspiegabile, si incattivisce senza sapere cosa e perchè lo state facendo... deve colpirvi, denunciarvi, insultarvi, annichilirvi... fate molta attenzione. Con le forze dell'ordine c'è la speranza di dialogo, con loro no."

Val ha detto...

Se Elena ha ricevuto il"reportage" originale di Franz credo che possa confermare che: nonostane i buoni propositi di questo mondo ,quando ti trovi di fronte questi signori,non naziskin ma gente comune, che negano non solo l'uguaglianza,la libertà ma pure l'evidenza,allora la fratellanza la puoi far scorrere via.... tirando tranquillamente la catenella del water.
Quello che deve far riflettere e che il contenuto del volantino parlava esclusivamente di moralità e Franz,nonostante questo è stato odiato e vilipeso.
A priori!
Un comunista del cazzo perchè incapaci di leggere quattro parole di condanna che erano indirizzati a tutta la politica.
Come se fosse colpa nostra il fatto che,la bilancia del bello e del brutto non è tarata nella sua esattta metà....noi si dice quello che è.
Certo che se la giustizia è valida solo fino a quando non ci deve colpire nel pieno della verità e l'accusato si difende ,non con la forza della verità,ma con quella della deligittimazione più o meno volgare,allora non solo non serve ne insegnare l'educazione in tutte le sue componenti e in ogni dove ma nemmmeno parlare di fratellanza o sperare che possa essserci.
Chiedevano pene certe per i delinquenti i criminali.
Quale ipocrisia!
Mah...l'unica cosa bella di questa storia e che l'amico Franz,che non è affatto comunista anzi.....il suo parlar di Montanelli la dice lunga sul pensiero liberale che è in lui, ne è uscito sano.
Inotre a rafforzato in me il significato di cosa deve essere un fratello,che non deve essere necesssariamente dalla mia parte(cosa,tra l'altro, che potrebbe essere effimera se il mondo un giorno cambiasse,potremo anche diventare rispettosi avversari politici se la politica stessa,pur cambiando in meglio,restassse assoggettata a questi schemi)ma che deve partire dagli stessi concetti che parto io:
Libertè,Egalité e Fraternitè.
Per gli altri,i nemici nostro malgrado,(per te Nunzio che lo hai richiesto)l'indifferenza.
Certo fino a quando....e caro Nunzio va bene non essere Stalin,va bene non essere il Che ma che dobbiamo diventare addirittura tutte o tutti delle Maria Goretti è effettivamente un po' troppo.
Chi ci riesce è bravo,chi ci riesce no ma,il punto è che di fronte all'uomo tutto questo è irrilevante.
Gli antichi erano come noi,chiamavano le cose con un nome diverso e non potevano disporre del nostro intelletto.
Noi,siamo rimasti barbari come loro,perchè la nostra intelligenza l'abbiamo e la stiamo spendendo male e questo ci porterà alla sconfitta definitiva.
Altrochè fratellanza,uguaglianza e libertà!
A pezzi il mondo sarà fatto.. e così sia.
Suerte
Val

Val ha detto...

Mi scuso per gli svarioni ortografici(a rafforzato!!!!) dovuti alla mancanza di tempo e lucidità.
Comunque resta forte in me il desiderio di fratellanza universale con chiunque abbia l'interesse di fare questo.
Posso regalare l'indifferenza alla persone che non vogliono,così come ho insegnato a Gianluca e ad Alessia a fare altrettanto,con i loro occhi e non i miei.
Pero ho insegnato loro,anche a non disperdere mai nei luoghi e nel tempo nessuna azione fatta nei loro confronti.
Gli atti di valore positivo vanno restituiti,anche due,tre cento volte senza chiedersi perchè.
Quelli negativi portano con se un 'unica differenza che è di natura comportamentale in ogni uomo e che richiede,nelle persone per bene, una sola immediata e ben precisa controrisposta per riportare immediatamente il tutto nella sfera del rispetto e della tolleranza reciproca.
Pensare di essere fratelli con chi non vuole esserlo,rende l'uomo utopia tra le utopie e solo puro masochismo che,ti porta dritto dritto sulla strada del martirio o della ribellione.
L'uomo avido ed egoista e capace di deridere e inficiare i più alti valori di bontà e fratellanza,riducendo al ruolo di bazzeccola il cristianesimo,seppellendo sotto una montagna di menzogne il massimo valore della libertà che risiede nel cuore di Elena.
Quindi Nunzio,non sei tu,no sono quelli come noi a non volerlo...ci è umanamente impedito,almeno con una parte degli uomini.
Ma passiamo oltre e parliamo di cose terrene concrete, contemporanee e visto che quello che dobbiamo imparare nella realtà è l'essere fratelli come noi,incominciamo ad intavolare la discussione su binari di concreto interesse per la natura di questo stesso blog,visto che lo hai domandato in un altro post.
Allora,parliamo per una volta come parlano i nostri politici e,anzichè parlare di idee,valori e bla,bla,bla, parliamo di contenitori.
Credo che possiamo essere d'accordo tuti quanti su questi punti:
a)la sinistra è così conciata perchè le due(il resto sono surrogati o dovrebbero essere circolari)correnti di pensiero socialista e comunista anzichè essere unite nella fratellanza inseguono il primato in tutte le sue componenti(attenzione perchè questo primato crea i trasformismi e altro).b)La situazione del panorama mondiale ci porta a dover affrontare nuove sfide nella globalizzazione su tutte le tematiche politiche e vieni quindi superato il concetto di destra e sinistra intesa nei comportamenti.Chi è quell'idiota che non capisce che il mondo e uno e,scendendo più in basso,l'istruzione,la sanità,la sicurezza,e altro sono cose che appartengono a tutti, mentre ben altra cosa sono i valori e la convinzione che si ha del bene comune,dell'uguaglianza,della fratelanza e del concetto stesso di libertà.
Precisato questo e sapendo quello che è in gioco ci troviamo di fronte a le seguenti cose:a)la casa socialista prima di tutto!b) abbiamo portato il comunismo nel 2000 c)l'opportunismo e il qualunquismo imperante ad ogni livello.
Questo è un discorso da fare perchè volente o nolente tra non molto dovremo affrontarlo e visto che della politica( checchè ne pensiamo non possiamo farne a meno perchè,a differenza degli spettacoli,dove al loro termine compare la scitta fine,continua sulla nostra pelle)non si puo' prescindere, bisogna comprendere in pieno l'arte della mediazione e saper cogliere al volo l'arttimo fuggente.
Quando parlavo di "virus" interno al sistema, da portare avanti come nuovo modello di lotta,mai avrei creduto di pensarlo un giorno necessario anche al nostro interno.
Guarda che,partiti di massa ,pronti al cambiamento e che sappiano partire da un codice etico interno insegnando,tra le altre cose ai suoi militanti,la rinuncia al "cadreghino" dopo un tot di anni per tornare al paesello e dedicarsi all'insegnamento dei propri valori ai giovani,non ce ne sono e se qualcuno sta tentando di farlo e "frenato" sia dall'inesistenza della opportunità di poter insegnare ma, anche dai suoi stessi paletti mentali.
L'inseguire Berlusconi ha di fatti prodotto una classe politica inculturata,priva di ogni collegamento sul territorio,tra la gente,e questa è una colpa solo della sinistra,non certo di una destra che politicamente parlando è quasi inesistente,siamo o non siamo noi gli altruisti e i portatori dei valori che andiamo elencando?
Detto questo restano le persone,le associazioni pero',non dobbiamo affatto dimenticare l'arte della mediazione politica con tutte le componenti che vorrano far parte di una federazione e ad una coalizione diversa.
Faccio un esempio: il soggetto politico(partito)che deve nascere, porterà in se i valori che vado dicendo ma,non riuscirà a cambiare il carattere(chiamiamolo così) degli incalliti testardi e rancorosi, che ben conosco e sognano lo stantio che nemmeno più esiste,se non sarà in grado di dotarsi di un codice etico interno e ,di creare ben presto una dirigenza capace e moralmente pronta alla sfida che ci attende.
Con queste credenziali e forti del nostro pensare, potremo incidere anche con la sinistra istuzionale che farà sicuramente unione ma,cambiando ben poco le regole del gioco,loro ovviamente.
Se sapremo,in brevissimo tempo creare questa nuova via nel nostro soggetto,non solo saremo riusciti a creare il nostro ideale ma contagieremo fino a contaminarli gli altri della federazione e della coalizione.
Otteremo così due risultati:a)porsi al servizio della propria gente e non il contrario b)dividere uguaglianza,altruismo dal suo contrario,incominciando ad essere veramente fratelli,così come intendiamo noi.
Chimera?
Niente affatto è qui dietro l'angolo e se qualcuno(in stile Tonino)spera di montare la tigre del momento per ritornare in auge ha sbagliato a capire,vuol dire che non conosce ne me,ne Piero,ne Franz e nemmeno i tanti altri.
Del resto quando la protesta montava nei Ds e,feci presente che occoreva un segnale nuovo che partisse da noi,da una sezione,pure importante,per propagarsi in tutto il paese incominciando a portare avanti un nuovo discorso di vero cambiamento così come era avvenuto in Spagna, mi è stato risposto dai bravi soldatini,pronti a fare comunella e clan,che "nel nostro partito non ci sono correnti". Questi stessi li avremo,cavalli o driver,probabilmente nella coalizione,tenere aperto gli occhi,quindi, è più che lecito ,e un dovere!
Concludo con il complito in classe:
Massimo ha presentato il conto.
Egli ha avuto oltre duecentocinquantamila nespole su oltre cinquecentocinquantamila disponibili nel 2005.
Di queste 550000,facciamo finta che 70000 sono marce o fasulle in tutti i termini del suo significato.
Massimo distribuisce il 76% circa dei 250000 a piero,il 15% a Fabio e il 9% a Gavino
Domande.
Quante nespole sono marcite in percentuale tenendo conto sia di quelle fasulle sia dell'effettivo 550000?
Partendo da un ipotetico del 17% quali saranno le percentuali delle nespole ottenute dai tre ,sia sul rimasto ,sia sull'andato perso?
Grazie per la collaborazione.
Suertissima
Val

elena ha detto...

Ho ricevuto il volantino e provo a riportarlo qui - non garantisco i risultati, quanto a formattazione...:

MI SENTO INSICURO !
TANTI DELINQUENTI NELLE STRADE,
TROPPI NEI PALAZZI DEL POTERE.

CHI MI DIFENDE DAI PREGIUDICATI CHE FANNO
LE LEGGI ?

CHI DIFENDE IL CITTADINO DAI DELINQUENTI SOTTO SCORTA ?

Decine di colletti bianchi hanno guai con la legge: sono pregiudicati con sentenza definitiva, condannati in primo o secondo grado, oppure prescritti.
Si fanno leggi su misura per garantirsi l'impunità.
Mancano soldi per la sicurezza?
Cominciamo a dimezzare gli stipendi e i privilegi dei politici, dei consulenti d'oro e degli amministratori delle aziende municipali!
Chi parla di legalità e sicurezza dopo aver governato la città e il paese per cinque anni con lo slogan città più sicure, forse dovrebbe render conto dell'illegalità dei quartieri alti, che dà cattivo esempio e spesso si accompagna all'accanimento verso i più deboli.

QUI MILANO LIBERA

Non ci trovo alcunché di non condivisibile... e neanche qualcosa che insulti aprioristicamente. Solo, si richiede di riflettere e fare una sana autocritica... cosa che, come Val ha già detto altrove, non è più di moda... è più rapido ed indolore urlare e rigirare le frittate... :(
Suerte!

nunzio ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
nunzio ha detto...

L'83% Val? Complessivamente, vero?
Ciao.

nunzio ha detto...

Elena, anch'io non ci vedo niente di non condivisibile... dillo però a quei "cari signori" che hanno INTERESSI a far sì che la cosa andasse come voleva la manifestazione.
E poi per loro la sicurezza consiste nella riduzione della libertà (impianti di videosorveglianza, polizia reppressiva a priori, fotocellule, rilevatori di impronte digitali... ecc. ecc.)
Ciao.

Val ha detto...
Questo commento è stato eliminato dall'autore.
Val ha detto...

Devo avere problemi con il computer che mi continua a fare uscire dal blog.
Comunque,se le impressioni risultassero esatte,e considerando che gli elettori sono molto meno convinti degli iscritti entrerà nel PD il 10% circa dei votanti,quindi il 7% in meno, a meno che Gavino non voglia fare la sinistra della sinistra nel PD.
D'accordissimo sulle tue riflessioni sulla sicurezza.
Aggiungi anche,che se il governo e di C-DX il triangolo delle Bermude è in Sicilia,se invece e di C-SX torna al suo posto.:D
Ultimamente pero',i barconi della speranza tornano solo quando C-SX perde la C...chissà come mai perchè?
Ma cambiamo argomento.
Ho parlato con Franz(anni 29),non aveva mai provato di persona un contatto con codesto campionario di profonda umanità.
Lui,fratello tra i fratelli,più Travaglio che Bertinotti,insultato a male parole(culattone succhiac....,drogato tu e tuoi amici di m....ma pensa ad aumentarti le dosi,lercio comunista,come se fosse una parolaccia,musi duri faccia a faccia,non da naziskin o forzanovisti ma da gente normale,che puoi incontrare tutti i giorni al bar o al supermercato.
Queste sono parole sue non mie!
Te le scrivo volentieri a perennne ricordo di come noi non potremo mai essere fratelli di queste persone e non per colpa nostra e se qualcuno vuol dirmi che noi si è voluto provocare ebbene non ha capito nulla di quello che noi si vuole fare...il volantino parla chiaro.Per noi la giustizia,in un mondo libero ,è uguale per tutti e motore fondamentale per una società giusta e onesta e chi non la pensa così non è ne nostro fratello in terra ne cavalcherà mai nelle praterie di Manitù!:D
Suerte y abrazos
Val

Val ha detto...

Il commento eliminato è il mio.
Oltre che spagnola, questa tastiera fa quello che vuole ..poi provero' con i comandi vocali
Ciao a tutti
Val