"Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza." Antonio Gramsci

mercoledì 21 febbraio 2007

Governo Italia: more solito










Da notizia dell'ultima ora: il Governo Prodi battuto al Senato sulla questione della politica estera.
Nonostante un D'Alema marpione e pacioso, con un discorso funambolico per fare stare buone le destre, alla conta dei voti il governo è stato battuto per quattro voti di senatori "astenuti", tra cui Pininfarina e Andreotti. Schifani (un nome, una garanzia) festeggia come un colpaccio riuscito ed orchestrato dal centro e dalla CdL.
Notizia d'agenzia:

Il governo è stato battuto a Palazzo Madama per due voti sulla risoluzione per approvare la relazione di politica estera del ministro D'Alema. La maggioranza richiesta era di 160 voti, mentre la risoluzione dell'Unione ha avuto solo 158. Il premier a Palazzo Chigi. Fonte dell'esecutivo ad Affari: "Prodi si dimette". Di Pietro: "Tra 5 minuti rischio di non essere più ministro".

Adesso o consultazioni o voto di fiducia (probabile il secondo).
Una cosa è sicura, quest'ennesima sceneggiata delle destre ha posto in luce come a certi gruppi politici interessi solo la questione del potere, e che per tornare in cattedra nei posti di comando non guardino certo in faccia a nessuno.

10 commenti:

skakkina ha detto...

Premesso che sono contro la permanenza delle truppe in Afghanistan: ma questa missione non era stata voluta in primis dalle destre? Ho capito l'interesse a voler tornare in sella, ma non si vergognano neanche un po'? Sto vedendo le foto dell'esultanza da stadio, quelle facce distorte da una gioia luciferina.

Mi sa che non c'ho capito niente. Sono confusa: qualcuno sa spiegarmi qualcosa?

Equo ha detto...

Non ho la pretesa di spiegare, ovviamente. Magari ci riusciranno Elena o Mauro. A me scappa di dire questo: abbiamo una legge elettorale che costringe a connubi contro natura. Oggi il governo di "centro-sinistra" è composto da gente che litiga sulle coppie di fatto, sulla politica estera, sull'alta velocità e, imagino, anche sulla qualità dei maritozzi che servono alla buvette del parlamento. A destra non stanno meglio, dovendo far andare a braccetto i difensori della patria e del tricolore di Alleanza Nazionale cpon i separatisti della Lega Nord. Da quella parte, però, la voglia di potere è tale che riescono comunque a fare schieramento. Ora: il problema non è certo quello che anche a "sinistra" s'impari ad essere più marpioni, ma, semmai, quello d'avere un governo di persone che si mettono insieme perché hanno davvero un programa in comune. Ma, in questa Italia spaccata a metà, dove molti danno un voto così come scelgono la marca dell'assorbente intimo o della crema dopobarba, la vedo dura. E se chiedessimo tutti la cittadinanza della Repubblica di San Marino?

Equo ha detto...

PS: scusate i refusi. La tastiera fa i capricci...

elena ha detto...

Un paio di considerazioni "a caldo".
1) il governo è stato battuto... sì, ma da chi? dalla sinistra estremista? NOOOOOOOOOOOOOOOOO! Dalla P2 riemersa dalla gobba di Andreotti!
2) vi dice nulla che Berlusconi sia membro della P2, porello, pure lui?
3) non è "la sinistra", non sono i comunisti cattivi che non vogliono governare (e fare anche compromessi difficili, quanto a questo). E' il centro arraffa tutto. Anche Cossiga, che pure ha fatto un bel discorsetto oggi (ricordando tra l'altro che lui è Kossiga... con la kappa), ha parlato in toni nostalgici della DC.
Morale: l'Italia non è un paese da bipolarismo. Perché in questo gioco al massacro il centro, che dovrebbe essere l'"aurea mediocritas" in senso buono (ma devo ancora capire qual'è) dimostra sempre più che l'unica cosa che conta è la poltrona. Sua. Con gli alleati che più possono aiutarlo - che, guarda caso, stanno sempre a destra... al massimo sono "rosa", se vogliamo includere i "socialisti" alla Craxi.
Neanch'io sono d'accordo nel rimanere in Afghanistan, almeno a pelle. C'è però da riconoscere che, per quanto l'ONU sia... diciamo scarsa..., in Afghanistan ci siamo andati per una mozione votata, non per compiacere gli USA...
Quanto alla cittadinanza a San Marino, come dimensioni mi va bene - ma date le ascendenze, preferirei il Liechtenstein.... :)

PS: il correttore automatico mi segnala come errori sia Andreotti che Berlusconi... avrà ragione lui?

skakkina ha detto...

ore 19.58: ditemi che non è vero.

elena ha detto...

E' vero...
Ma prima di prefigurare scenari catastrofici, devo fare una rettifica (per fortuna gioco in casa mia, altrimenti qualcuno mi avrebbe già squartato...!): a far mancare la maggioranza al governo hanno contribuito anche due sinistri: uno di Rifondazione ed uno del gruppo Verdi-PdCI. Non ho dubbi che costoro verranno aspramente redarguiti dai compagni di partito - e giustamente: non ci si fanno venire mal di pancia in mezzo ad un gioco che già si sapeva com'era. Ma l'ho già detto in un altro post... se uno vuol fare l'anima candida, se ne sta a casa. Non si fa eleggere con dei compagni che è pronto ad abbandonare alla prima occasione... va a fare "l'extraparlamentare del Pdac" e sta in pace con la sua coscienza.
Comunque... non è ancora detta l'ultima, però prepariamoci. Può anche essere che il 1° maggio sarà una giornata campale... suerte amici, e che la forza sia con voi.

Equo ha detto...

Domanda tra noi... Ma voi, se si andasse nuovamente al voto, che accidenti farete?

elena ha detto...

Non posso giurarci adesso, dipende da come si comporteranno nei prossimi giorni i "miei amici" - se decideranno di stare con un'altra maggioranza alla Prodi o da soli. Se non cambia la legge elettorale nel frattempo, se non ci saranno quindi alternative possibili, credo che farò quello che ho fatto l'ultima volta: voterò per il meno peggio (prodi) con preferenza PdCI alla Camera e al Senato IdV (più che altro Franca Rame, altrimenti PdCI ancora).
Che altro si può fare??? Facciamo passare Berlusca? Va bene, ma poi prepariamoci alle barricate... ma ve li vedete Schifani Bondi e Tremonti a rappresentarci? Scusate il termine forte, ma mi verrebbe il voltastomaco ogni tre secondi...
E voi???

Equo ha detto...

Ho in mente uno scenario apocalittico. Rutelli e Casini (speriamo si prendano anche Mastella e frattaglie varie) danno vita al Grade Centro e corrono da soli, strizzando l'occhio al Berluska che, con Fini, propone un Grande Centro Ma Un Po' Più A Destra. La Lega si defila, continuando la politica del "siamo autonomi, ma servi appena lo chiedete". Dalema, Fassino e soci, per paura d'essere presi per gente di Sinistra, continuano a Prodizzarsi ed Ulivarsi, evitanto accordi con Rifondazione, Comunisti Italiani e Verdi, i quali fanno un gran casotto presentandosi uniti a Roccapipizzopassero di Sopra, quasi uniti ma non troppo a Gallarate e divisi altrove. Ergo: AN incrementa i voti, Forza Italia ne perde un po' ma non troppi, con Centro, Lega e minutaglie mettono insieme un governo che, stando così le cose, reggerà sino al 13 Aprile del 2036, quando, finalmente, l'asteroide Apophis ci risolverà tutti i problemi. Scherzi a parte, come detto altrove, mi tapperò il naso e voterò per qualcuno che non si vergogni d'esporre ancora "vecchi strumenti di lavoro"...

elena ha detto...

Non è poi così irreale, purtroppo...
Quindi noi o continuiamo a tapparci il naso e mica solo quello, oppure facciamo come gli amici del PdAC, che non hanno fatto parte del "popolo dell'unione", non hanno votato alle primarie e conseguentemente nemmeno alle politiche. Perché sono contro Berlusconi e anche contro Prodi. Come dar loro torto? Però prepariamoci, perché mi sa tanto che vince il Berlusca, e allora altro che barricate... Altre strade, a parte cambiare nazione, non ne vedo... be', forse potremmo chiedere ad Apophis di accelerare la sua venuta?