"Istruitevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra intelligenza. Agitatevi, perché avremo bisogno di tutto il nostro entusiasmo. Organizzatevi, perché avremo bisogno di tutta la nostra forza." Antonio Gramsci

lunedì 21 gennaio 2008

Witness Journal, così rivive il reportage





Witness Member



Che cos'è e come funziona


Witness Journal è un magazine di informazione e fotografia davvero nuovo, soprattutto perché sono veramente innovativi sia la formula editoriale, sia l'idea su cui si basa l'intero progetto.
Distribuito gratuitamente via Internet, Witness Journal racconta attraverso le immagini di fotografi, professionisti e appassionati, storie piccole e grandi, italiane e non. Basato su una logica aperta ai contributi di tutti, Witness offre agli autori un palcoscenico giornalistico adatto sia a esprimere le proprie capacità, sia a promuovere il proprio lavoro.
Ai lettori offriamo invece un'informazione diversa sotto numerosi aspetti. Innanzitutto perché poniamo le immagini e non le parole, al centro dell'attenzione. Le storie raccontate da Witness Journal sono infatti narrate esclusivamente attraverso i fatti, ossia le fotografie.
Gli articoli, redatti direttamente dai fotografi, raccontano il “backstage”, aggiungono informazioni relative al contesto, ma mai in alcun modo tendono a fornire un'analisi o un commento. Questo compito preferiamo lasciarlo al lettore, come è giusto che sia.
Per scelta precisa, ma anche per filosofia, la linea editoriale di Witness tende a dare spazio ai piccoli grandi eventi, alle storie locali e, perché no, soprattutto a ciò che trova difficilmente spazio sui principali organi di informazione.
Grazie a Internet siamo infatti in grado di vantare una rete di collaboratori che si estende in modo capillare su tutta la penisola. Una rete fatta di professionisti, ma anche e soprattutto di appassionati di fotografia che grazie al digitale e ai fenomeni del Web 2.0, primo fra tutti Flickr, hanno oggi la possibilità di far sentire la propria voce.
Ed è proprio questa voce quella che Witness Journal vuole raccogliere e farvi ascoltare.


COME PARTECIPARE


Witness Journal è un progetto aperto al contributo di tutti, ma si basa comunque su una serie di “regole” il cui rispetto permette di tutelare sia la redazione, sia il fotografo. Ecco quali sono.


Condividere i guadagni ma non le spese

MAM network, ossia l'editore di FotoUp e Witness, è titolare esclusivo dei diritti dei marchi e della testata. In quanto editore MAM network sostiene i rischi e i costi di impresa, si assume la responsabilità legale della pubblicazione e prevede e riconosce il diritto al pagamento degli autori in caso di vendita di spazi pubblicitari. Witness, nel pieno rispetto di una logica contributiva, propone ai fotografi il riconoscimento del 30% dell'incasso pubblicitario di ogni numero, equamente diviso in base al numero di servizi. Un meccanismo chiaro e trasparente che lega al successo commerciale dell'iniziativa ogni possibile guadagno degli autori come degli editori.
In caso di mancati incassi, l'editore sostiene i costi di hosting e download a fronte di nessuna entrata, mentre l'autore non vede riconosciuto economicamente il proprio lavoro, senza subire danni economici e ottenendo comunque la pubblicazione del proprio servizio.


Ogni proposta deve avere i seguenti requisiti:
- l'originalità delle opere
- la piena titolarità dei diritti d'autore e di ogni altro diritto
- la cessione dei diritti di pubblicazione in esclusiva per trenta giorni
- le eventuali liberatorie dei soggetti ripresi

Inviando le immagini, implicitamente, l'autore si assume ogni responsabilità circa la conformità del proprio lavoro ai suddetti requisiti, escludendo da ogni responsabilità in proposito l'editore.


Ogni progetto candidato dovrà essere composto da:
- almeno 20 immagini (i file originali con i dati EXIF)
- un testo in italiano di massimo 3.000 battute

I testi dovranno aiutare a fornire al lettore il contesto dei fatti, ma non devono contenere analisi o giudizi. Witness è un giornale di fotografia soprattutto quando fa giornalismo e informazione. La redazione svolge un compito esclusivamente tecnico di revisione dei testi in termini di forma, stile e impaginazione, e fa ciò senza mai intervenire sul significato dei contenuti veri e propri.


Diritto d'autore
I diritti d'autore delle immagini restano di totale proprietà del fotografo. All'editore è però concesso e riconosciuto il diritto di pubblicazione (in esclusiva per la durata – 30 giorni – del periodo di pubblicazione di ciascun numero).

Diritti di sfruttamento dell'immagine concessi all'editore
- utilizzo illimitato e gratuito delle immagini pubblicate a fini promozionali delle iniziative dell'editore
- utilizzo per riedizioni, monografie, speciali e raccolte di Witness, in questo caso senza il vincolo dell'esclusività e continuando a riconoscere il 30% del fatturato pubblicitario, equamente distribuito tra gli autori.
- ristampe cartacee o su altro supporto, libri e altro. Anche in questo caso l'editore è tenuto a riconoscere il 30% della -- raccolta pubblicitaria o degli utili derivanti da ciascuna operazione commerciale

Witness Journal


Aperte le selezioni per il numero 8 di WJ

Per candidare un servizio, dovete iscrivervi al Forum e lasciare un messaggio contenente una breve descrizione della storia/argomento e il link a max 2 immagini sul Forum stesso. Qualora non fosse possibile vedere le fotografie via Web, o nel caso in cui si voglia sottoporre all'attenzione l'intero servizio, potete mandarne l'anteprima a selezione{at}witnessjournal.net


Proponi ora il tuo Reportage

..

WJ numero 5Numero 7
Gennaio 2008





WJ numero 5Numero 6
Dicembre 2007





WJ numero 5Numero 5
Novembre 2007





WJ numero 4Numero 4
Ottobre 2007





WJ numero 3Numero 3
Settembre 2007





WJ numero 2Numero 2
Luglio / Agosto 2007






....

1 commento:

edgar ha detto...

Interessante.